I Salesiani di Don Bosco sono presenti in 132 Paesi nel mondo e hanno le loro radici in un piccolo e periferico borgo contadino del nord dell’Italia chiamato i Becchi, in Piemonte. Ora porta il nome di Colle Don Bosco e si trova sotto il comune di Castelnuovo Don Bosco, nella provincia di Asti.

Idealmente la nostra storia inizia con il piccolo Giovanni Bosco (1815 – 1888), terzo di tre fratelli, che all’età di 9 anni fece un sogno, che ne ha guidato e ispirato la missione e il metodo educativo. Dopo un decennio a Chieri, dove ha studiato, lavorato e fatto il seminario, Giovanni Bosco si trasferisce a Torino, dove viene ordinato il 5 giugno 1841 e dove continua un triennio di perfezionamento.
Tra gli episodi significativi di Don Bosco ricordiamo l’incontro con Bartolomeo Garelli, nella chiesa di San Francesco d’Assisi l’8 dicembre del 1841; la prima volta che venne usato il nome di “Salesiani”, con 4 giovani desiderosi di seguire le sue orme, il 26 gennaio del 1854; la fondazione della Congregazione il 18 dicembre 1859.

All’inizio l’opera di Don Bosco fece fatica a trovare un luogo stabile dove raccogliere i ragazzi dell’Oratorio, cosa che avvenne il 12 aprile del 1846, con l’avvio delle attività presso la Tettoia Pinardi, nella zona denominata Valdocco. Già nel 1852 Don Bosco veniva nominato Direttore di tre Oratori a Torino: a Valdocco, in zona Porta Nuova e in zona Vanchiglia.

I Salesiani in Italia hanno avuto il loro inizio con Don Bosco e con tanti giovani e benefattori che lo hanno affiancato e seguito. Ma all’origine c’è molto di più: «Con senso di umile gratitudine crediamo che la Società di San Francesco di Sales è nata non da solo progetto umano, ma per iniziativa di Dio» (fonte: Cost. Art.1).

La prima casa salesiana fuori Torino fu aperta a Mirabello Monferrato, nel 1863, a cui fece seguito l’apertura dell’Opera di Alassio, in provincia di Savona. Nel 1875 viene aperta la prima casa fuori Italia, a Nizza in Francia, ma soprattutto si realizza la prima spedizione missionaria, destinazione Argentina (ad oggi ci sono state quasi 150 spedizioni missionarie).

Dopo la morte di Don Bosco, il 31 gennaio 1888, viene scelto Don Michele Rua come primo successore di Don Bosco. Oggi a guidare la Congregazione Salesiana e la Famiglia Salesiana è  Don Angel Fernandez Artíme, decimo successore di Don Bosco.