I Salesiani all’incontro con il Papa sui casi di abusi in Cile: “Vogliamo un ambiente sano e sicuro per bambini e giovani”

In un comunicato stampa della Santa Sede del 12 maggio 2018 si rende noto che dal 15 al 17 maggio Papa Francesco incontrerà i Vescovi del Cile per  esaminare approfonditamente le cause e le conseguenze degli “abusi di potere, sessuali e di coscienza che si sono verificati in Cile negli ultimi decenni”.

Dolore e vergogna sono state le parole pronunciate dal Santo Padre sui casi di pedofilia nel clero in Cile dopo il suo viaggio in terra cilena lo scorso gennaio.

Gli incontri avranno luogo nell’auletta dell’Aula Paolo VI; assieme al Papa che esaminerà le testimonianze, scritte e orali, che sono pervenute fino alle ultime settimane, ci saranno 31 vescovi diocesani e ausiliari e 2 vescovi emeriti. Tra essi anche tre Salesiani: il card. Riccardo Ezzati, arcivescovo di Santiago del Cile; mons. Bernardo Bastres, vescovo di Punta Arenas; e mons. Héctor Vargas, vescovo di Temuco.

Mons. Bastres, prima della sua partenza per Roma, ha scritto una lettera ai fedeli della sua diocesi per spiegare il senso dell’incontro: “Vogliamo farci carico degli errori che ci corrispondono e correggerli, in modo tale che la Chiesa sia, sempre più, un ambiente sano e sicuro per bambini e giovani”.

 

Per approfondire la notizia clicca qui

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *