Sinodo dei Giovani: qual è il significato profondo della parola discernimento? “Chiarire le sottili differenze tra il bene e il male”, dice Don Rossano Sala

Don Rossano Sala, salesiano dal salesiano dal 1992 e sacerdote dal 2000, è impegnato come Segretario Speciale per il Sinodo in programma nell’ottobre 2018 e che avrà come tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. In questi mesi di preparazione viene scandito di volta in volta un percorso fatto di incontri e momenti di riflessione. Don Rossano in un’intervista ad Antonio Tarallo sul sito sanfrancescopatronoditalia.it ci ha offerto la sua riflessione sul concetto di “discernimento”, una  parola antica nel linguaggio della Chiesa che deriva da discernere, composta da dis- “separare” e cernere, ovvero, “scegliere”. Nella fattispecie, il significato intrinseco è scegliere separando. Secondo Don Rossano il discernimento “è chiarire le sottili differenze tra il bene e il male, approfondire la radice e la provenienza di ciò che ci si presenta davanti e infine scegliere con coraggio ciò che si è riconosciuto giusto e santo. Senza il discernimento noi siamo in balìa dell’ultima novità che ci viene continuamente propinata dal mercato globale, rischiando così di perdere di vista la sensibilità per la verità, che Dio dolcemente continua a mettere alla nostra attenzione”.

 

Leggi l’intervista qui

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *